L’internazionalismo è terrorismo?

Di Nines Maestro

Pubblichiamo l’articolo della compagna Nines Maestro, esponente storica di Red Roja in Spagna sulla causa intentata contro di lei ed altri compagni per la solidarietà realizzata con il popolo palestinese. Riaffermiamo la nostra piena solidarietà con la compagna Nine Maestro e gli altri compagni sotto processo in Spagna (RdC)

*****

Di recente, il tribunale nazionale ha accusato me e due compagni del crimine di finanziamento del terrorismo. Gli eventi si sono verificati nel 2014 e 2015 quando, in occasione delle brutali invasioni di Gaza da parte dell’esercito israeliano con terribili conseguenze di morte e distruzione, Red Roja (organizzazione della sinistra alternativa in Spagna, ndr) ha deciso di richiedere contributi finanziari per aiutare il popolo palestinese attraverso un conto corrente installato sul suo sito Web . I fatti sono gli stessi del documentario “Gaza”, che ha ricevuto il premio Goya lo scorso gennaio [1].
Lo scorso giugno, il tribunale numero 6 della Audiencia Nacional ha negato l’archiviazione del nostro caso e sono stati avviati procedimenti ordinari, dato che ha trovato “prove sufficienti di criminalità”. La sua dichiarazione è avvenuta dopo la presentazione da parte della nostra difesa di un documento che accreditava la destinazione finale dei fondi: la ricostruzione delle strutture sanitarie distrutte dai bombardamenti.
L’argomento dell’accusa, esercitata dall’organizzazione israeliana con sede a New York, Lawfare Project, e accettato dalla Corte Nazionale come prova di criminalità, è stata la consegna del primo importo alla leader palestinese Leila Khaled, a sua volta membro del Fronte Popolare per la liberazione della Palestina (FPLP).

La logica è che questa organizzazione è stata inclusa in un elenco europeo di organizzazioni terroristiche dal 2003, promossa dagli Stati Uniti a seguito degli attacchi alle Torri Gemelle nel 2001.
L’elenco di cui sopra non è stato trasposto nelle leggi di ciascuno Stato, quindi non vi è alcun impedimento per i rappresentanti di tale organizzazione ad agire liberamente nell’UE. Ciò è stato riconosciuto nel 2017 dallo stesso tribunale nazionale, che tramite la giudice Carmen Lamela ha respinto la denuncia delle organizzazioni israeliane contro la stessa Leila Khaled e le ha permesso di entrare in Spagna. Queste organizzazioni hanno anche accusato la città di Barcellona, ​​sponsor della Fiera Letteraria in cui alla fine è intervenuta la leader palestinese, dei crimini di “integrazione in un’organizzazione terroristica, collaborazione con un’organizzazione terroristica, scuse ed esaltazione del terrorismo, finanziamento di attività terroristiche, appropriazione indebita di flussi pubblici e prevaricazione. “[2] Tutto ciò, basato sulla natura terroristica della FPLP.
Il fatto è che il PFLP è un membro fondatore e parte importante dell’Organizzazione per la liberazione della Palestina (OLP) riconosciuta dal 1974 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite come “l’unico rappresentante legittimo del popolo palestinese” [3].
Al di là dei dettagli specifici del caso aperto contro di noi, la questione centrale che sta alla base di tutta questa questione è l’insormontabile difficoltà nel trovare una definizione di terrorismo che soddisfi il requisito legale primario di essere generalmente applicabile. Innumerevoli domande vengono in mente. La resistenza contro l’occupazione nazista nella seconda guerra mondiale può essere considerata terrorista?
La lotta del popolo vietnamita contro l’invasore americano era terrorista o quella dell’Anc contro il regime di apartheid in Sudafrica? O il popolo algerino contro l’occupazione francese?
Gli esempi storici sono quasi infiniti e il tentativo di concedere al vincitore o al più forte il diritto di decidere chi è un terrorista, come afferma lo Stato di Israele, contravviene alla fondazione stessa del diritto internazionale. Ciò è stato riconosciuto in centinaia di risoluzioni dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite che ha sempre affermato la legittimità della lotta del popolo palestinese.
La causa che continua contro di noi, come i procedimenti giudiziari aperti contro i rappresentanti del movimento Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni (BDS), persegue la criminalizzazione della solidarietà internazionalista con il popolo palestinese affinchè sia messa a tacere e i crimini quotidiani che il sionismo perpetra contro di esso restino impuniti.
Ed è perseguita, non solo solidarietà con il popolo palestinese, ma la solidarietà internazionalista in generale, come si evince dagli ordini emessi dalla Corte che attua la nostra denuncia. Le “indicazioni del crimine” contro di noi si basano sulla solidarietà internazionalista esercitata dalla Rete Rossa anche con Cuba, con il Venezuela, con la Bolivia, con il Sahara … ecc. (Sic).
L’imperialismo euro-americano, nella disperata ricerca di materie prime a basso costo, moltiplica estorsioni e aggressività, cercando di mascherarle come interventi a difesa dei diritti umani. Gli aiuti umanitari, le elemosine intese a coprire gli orrori creati da loro stessi o il sostegno ai rifugiati in fuga dalle guerre causate da “Occidente” devono provenire da ONG, finanziate dai loro governi, banchieri e multinazionali.
Ciò che cercano di rimuovere è la solidarietà politica, la presa di posizione. E questo significa sempre opporsi all’aggressione dell’imperialismo e del sionismo, indipendentemente dalla qualità politica del governo del paese attaccato. La solidarietà internazionalista è agli antipodi della carità, mentre considera la lotta contro l’oppressione e l’ingiustizia in qualsiasi parte del mondo come propria.
E questa è in particolare la responsabilità dei popoli dello Stato spagnolo che hanno avuto il privilegio di vivere nella propria carne il più grande esempio di solidarietà internazionalista e strettamente politica che l’umanità ha vissuto: le Brigate Internazionali. Con loro arrivarono migliaia di giovani, uomini e donne, provenienti da tutti i paesi del mondo, disposti a dare la vita contro il fascismo. Arrivarono anche arabi, e in particolare palestinesi e molti ebrei in fuga dalle persecuzioni naziste nei loro paesi.
La cosa più importante che loro e loro hanno contribuito alla lotta della Repubblica spagnola contro il fascismo, non era il sostegno militare, così come la parte essenziale dell’aiuto economico che arrivò al popolo palestinese attraverso la Rete Rossa non era il suo importo.
È stato accertato che, nella lotta diseguale contro la tirannia, coloro che legittimamente combattono contro di essa non sono soli.
L’arrivo delle Brigate Internazionali fu quello che strappò il popolo di Madrid, devastato dai bombardamenti e schiacciato dal sentimento di sconfitta prima dell’avanzata delle truppe fasciste, l’inalienabile volontà di combattere espressa nel grido di “Non passeranno”.
Qualcosa di quel respiro deve continuare ad arrivare ogni giorno con più forza al popolo palestinese e a tutti i popoli del mondo che resistono all’imperialismo e al sionismo.

NOTE

[1] La dedizione coraggiosa di uno dei suoi direttori Julio Pérez del Amo al popolo palestinese dopo aver ricevuto il premio Goya può essere vista qui.
[2]https://www.lavanguardia.com/vida/20170511/422503605320/denuncian-al-ay Ayuntamiento-de-barcelona-por-la-conferencia-de-una-terrorista-palestina.html
[3]https://es.wikipedia.org/wiki/Declaraci%C3%B3n_de_independencia_de_Palestina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *