Catalogna. “Libertà, amnistia, diritto all’autodeterminazione”

Un saggio di Joan Tafalla.

I dati della repressione della polizia condivisa e coordinata tra gli organi repressivi dello Stato (Mossos, polizia nazionale e guardia civile) sono assolutamente intollerabili. 4 persone hanno perso un occhio. 600 feriti, 194 detenuti, 28 incarcerati, 18 ricoverati in ospedale. Una ragazza ha trascorso la notte tra la vita e la morte all’ospedale di Hebron Valley con un trauma alla testa che lascerà conseguenze serie e permanenti. Centinaia di feriti trattati dal SEM (Sistema di Emergenza Medica).

I giovani detenuti illegalmente, maltrattati e condannati senza processo in un una prigione preventiva, senza cauzione, che distruggerà le loro vite. Quindi una condanna che arriverà in processi senza garanzie, in cui la polizia ha una “presunzione di verità”, secondo una legge antidemocratica. Chi vuole vedere qauesta realtà deve solo consultare ciò che spiegano organizzazioni come il Sindic de Greuges (1)), Amnesty International e Iridia, per esempio.

Sono ricorrenti immagini di abusi della polizia commessi “in situ” da organi repressivi. Troppo ricorrente. È chiaro che obbediscono a una strategia. Non sono facce di poliziotti isolate all’interno di corpi di una polizia “corretta e democratica”. Non sono mele marce in un cestino. È una strategia concordata e coordinata da CECOR. Cioè, dalle forze repressive dello Stato e dai suoi cipayos autonomi. (2)

Una frase infame che trasforma la disobbedienza in sedizione

L’abuso ricorrente e la violenza poliziesca che vediamo in questi giorni è un’applicazione “di fatto” della giurisprudenza contrassegnata dalla famigerata frase che trasforma la disobbedienza in sedizione. Segna una nuova era repressiva nel già repressivo stato del Regno di Spagna.

La massa del movimento popolare e democratico per l’autodeterminazione sta scoprendo, dalla sua esperienza pratica e massiccia, il vero carattere di classe dello stato capitalista e qual è il monopolio della violenza che esercita. Il “processismo” aveva lottato per sette anni per non mostrare al movimento popolare questo carattere repressivo. Il 1 ° ottobre 2017 è stato, in questo senso, un grande atto pedagogico da parte dello Stato. Anche la famigerata frase. Gli atti repressivi di questi giorni, lo sono anche di più. L’esperienza è sempre la madre della coscienza, come diceva quell’uomo barbuto del diciannovesimo secolo: “Ogni passo del vero movimento vale più di una dozzina di programmi”.
La violenza è esercitata unilateralmente e monopolisticamente dallo stato capitalista, punisce senza pietà coloro che sono disposti a discutere del loro monopolio della forza. La violenza è la frase. La violenza sta indagando sullo “tsunami democratico” o sul CdR (3) per “terrorismo”. La violenza è la detenzione arbitraria dei membri del CdR settimane prima della pubblicazione della famigerata sentenza. Questo è l’elemento essenziale di ciò che sta accadendo.

L’equidistante che osserva questi fatti dall’esterno, equiparando la violenza reciproca, sta giocando un ruolo molto doloroso. Non hanno capito che se un giorno costituissero un pericolo per lo status quo, questa stessa dottrina si applicherebbe a loro. Forse credono di essere protetti perché non credono più di essere un pericolo per il potere. Forse non vogliono nemmeno esserlo. In effetti, sono diventati un elemento assolutamente marginale e persino alcuni di loro sono già membri di quello che lo storico Xavier Domènec chiama “fronte dell’ordine”.
Si spera che le conclusioni sulla situazione che verranno tratte in modo massiccio da decine di migliaia di persone, non siano troppo riduttive e non portino il movimento o un’intera generazione di giovani a autodistruggersi scontrandosi in modo sterile contro il monopolio della violenza dello stato capitalista.
La lotta è lunga e strategica. I “processori” che ti hanno detto che la faccenda era facile e veloce ti hanno mentito. Adesso lo sai. Se qualcuno ti dice ora che bruciando cassonetti o lanciando pietre contro i membri delle forze repressive otterrai immediatamente qualcosa, sai che ti sta mentendo.

Libertà, amnistia, diritto all’autodeterminazione
La risposta corretta alla nuova fase della situazione non può essere: “La nostra sentenza, indipendenza”, come afferma l’organizzazione per l’indipendenza Assemble Nacional Catalana. Nella fase attuale la risposta corretta è: “Libertà, amnistia, diritto all’autodeterminazione”. Questa è la dura realtà della fase attuale.

Forse, molti settori del movimento popolare per l’autodeterminazione troveranno difficile assumere questa realtà. È naturale. Quando si apre una nuova fase della lotta, molti continuano a trascinare le illusioni accumulate nella fase precedente. Ma la maggior parte delle persone ha la capacità di pensare con le proprie teste e la dura realtà del nuovo scenario finirà per imporsi.
Le rivoluzioni sono fatte da milioni e milioni di persone che non hanno nulla da perdere. I rivoluzionari devono saper camminare insieme fino al più lento per aiutare le persone a passare dal loro attuale buon senso alla necessaria conclusione che tutto deve essere cambiato.

I rivoluzionari devono sapere che quando questi milioni e milioni giungeranno dalla loro esperienza a questa conclusione, ci supereranno, ci soprafferanno. E che questo sarà un fatto estremamente positivo. Il movimento democratico e popolare è necessario, l’avanguardia è contingente.
Ma, nonostante le mobilitazioni giovanili che hanno scosso le quattro capitali delle province di Catalunya, non si è verificato il desiderato superamento del processismo.

Inoltre, dobbiamo affrontare un’altra realtà. La maggior parte del movimento sceso in piazza in queste notti sono settori di una gioventù appena sconvolta dalla sentenza e delusa dall’inanità della precedente strategia del movimento. Cioè, stiamo affrontando principalmente un movimento spontaneo. Ma se la base sociale di maggioranza è questa, non possiamo negare che ci sono piccole avanguardie che credono che il loro slancio sia arrivato. Esistono e agiscono attivamente nel movimento di queste notti. Tentano di sostituire il movimento stesso e la sua esperienza collettiva. Dimenticano che la coscienza politica può nascere solo dall’esperienza e dalla deliberazione di massa.
Alcuni sono venuti da fuori. Il 13% degli arrestati, dichiara il CECOR e i mezzi di manipolazione al suo servizio. Non disponiamo ancora di dati qualitativi e quantitativi specifici su questi detenuti per poterli valutare nella loro giusta misura. Gli antecedenti delle menzogne ​​pronunciate regolarmente in vari casi dagli organi repressivi dello stato ci obbligano a essere prudenti.

Faccio autocritica: è possibile che mi sia precipitato nella versione catalana di questo articolo pubblicato in questo blog cinque giorni fa. Apprezzo alcuni commenti che mi sono stati inviati. D’altra parte, i detenuti non sono necessariamente un riflesso della realtà globale del movimento.
Un’altra piccola parte dei partecipanti fa parte di avanguardie locali, minoritarie ed “eterne”. Esistono anche e basano la loro assenza di strategia su “l’azione per l’azione”. La cultura di queste avanguardie è di solito la sostituzione dell’esperienza del movimento. Tentano di stampare sul movimento una strategia basata sulla “carica permanente”, nel blitz krieg. Lo faranno fino all’esaurimento finale delle riserve, senza tener conto del saldo delle perdite. Senza discutere in modo trasparente e democratico la presunta strategia alla base delle azioni. Penso che non abbiano una strategia, al di là del noto: “azione-repressione-azione”. È una strategia che è già stata superata dalla “critica delle armi” in altri luoghi. Conduce a un vicolo cieco con un equilibrio storico che non è esattamente positivo. In altri luoghi, i responsabili di tale strategia hanno già fatto il punto e ne hanno estratto le conseguenze. E agiscono in coerenza con le conclusioni che hanno raggiunto.
Cerchiamo di essere chiari: dovremmo sminuire l’esperienza di qualcun altro, qui e ora? In questo momento cruciale? Soprattutto, dobbiamo dare una prospettiva politica alla rabbia.
L’attivismo cieco può essere accolto momentaneamente dai giovani che si stanno unendo alla lotta, senza l’esperienza necessaria per ovvi motivi di età. Alcuni accusano qualsiasi critico di questo cieco attivismo di “criminalizzare” le vittime della repressione statale. È normale che vengano formulate queste accuse, fa parte dei soliti rituali. Questo non è il caso di questo commentatore, che ha espresso per iscritto e ha dimostrato nelle strade in questi giorni contro la repressione della polizia. E sono quattro decenni che lo fa. Questi tipi di accuse fanno parte dell’arsenale retorico del verticalismo di alcune di queste pratiche d’avanguardia.
La rabbia per la violenza dei corpi repressivi del Regno di Spagna è naturale. La rabbia è un segno salutare dell’energia rivoluzionaria della nostra giovinezza. Ma la rabbia deve essere organizzata, gli deve essere data una prospettiva politica oltre il momento del tumulto.

E la prospettiva non può essere altro che riconoscere che, dopo la sentenza e nella nuova fase del movimento, si tratta di rivalutare un vecchio motto dell’Assemblea della Catalogna, cioè il movimento per la rottura democratica nei anni settanta del secolo scorso: “Libertà, amnistia, diritto all’autodeterminazione”.

(1) Organismo per la difesa dei diritti umani

(2) I sepoys erano i soldati indiani addestrati e arruolati dal colonialismo britannico.

(3) Comitati per la Difesa del Referendum, nati nel 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *