Dichiarazione del XVII incontro dei capi di Stato e di governo dell’ALBA-TCP: “15 anni in difesa dell’unità, della pace e dell’integrazione”

Il 14 dicembre si è svolto all’Avana il XVII Incontro dell’Alianza Bolivariana para los Pueblos de Nuestra América – Tratado de Comercio de los Pueblos (ALBA-TCP), con la partecipazione dei capi di Stato e di governo e di altri rappresentanti di delegazioni di alto livello dei paesi membri e ospiti, tra cui Nicolás Maduro e Daniel Ortega, con l’obiettivo di discutere la situazione attuale nella regione e a livello internazionale, nonché il ruolo dell’ALBA in questo contesto, a 15 anni dalla sua creazione.

Questo meccanismo di coordinamento e integrazione regionale – promosso da Fidel Castro e Hugo Chávez – è attualmente composto da Cuba, Venezuela, Nicaragua, il Commonwealth di Dominica, Granada, Antigua e Barbuda, Saint Kitts e Nevis, Saint Vincent e Grenadine, Saint Lucia e Haiti come ospite permanente, poiché la Bolivia ha chiesto di ritirarsi dal blocco dopo il colpo di stato contro Evo Morales del 10 novembre.

La necessità di preservare la pace nella regione è stato uno degli assi del dibattito, insieme alle questioni della cooperazione e della sovranità, come ha affermato il Presidente di Cuba, Miguel Díaz-Canel. In questo senso, il XVII Incontro ALBA-TCP ha sostenuto la necessità di unirsi di fronte alle minacce esterne, alle aggressioni e alle interferenze che cercano di destabilizzare i governi progressisti legittimamente eletti. Allo stesso modo, l’integrazione è stata ratificata come unica modalità d’azione anti-imperialista, proiettando per essa la costruzione di un modello alternativo di sovranità economica e di sviluppo sociale.

Sono state condannate l’interferenza e l’ingerenza politica dell’amministrazione Trump che, sostenuta dalle oligarchie nazionali e dai media mainstream, cerca di fare della regione il “cortile di casa” come lo è stato nei decenni passati sotto i governi neoliberisti che hanno devastato questi paesi. Per quanto riguarda questa crescente interferenza, l’attivazione del Trattato Interamericano di Assistenza Reciproca (TIAR) contro il Venezuela è stata fortemente respinta, poiché rappresenta un pericolo per la pace nella regione e il pretesto per l’eventuale installazione di nuove basi militari in America Latina con l’obiettivo di agire contro la Rivoluzione Bolivariana.

“È il nostro tempo”, ha affermato il presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolás Maduro Moros, “un’epoca in cui ALBA-TCP si presenta come un meccanismo di coordinamento politico regionale in grado di affrontare le attuali interferenze imperialiste”.

***

Dichiarazione del XVII incontro dei capi di Stato e di governo dell’ALBA-TCP

15 anni in difesa dell’unità, della pace e dell’integrazione

I Capi di Stato e di Governo e i Capi Delegazione dei paesi membri e invitati ospiti dell’Alianza Bolivariana para los Pueblos de Nuestra América – Tratado de Comercio de los Pueblos (ALBA-TCP), si sono riuniti all’Avana il 14 dicembre 2019, per commemorare il XV Anniversario dell’ALBA, fondata dai Comandanti Fidel Castro Ruz e Hugo Rafael Chávez Frías, con il fermo impegno ad approfondirla, come espressione delle aspirazioni all’indipendenza regionale e baluardo di una vera integrazione latinoamericana e caraibica di fronte alle crescenti minacce all’autodeterminazione, alla sovranità, alla pace e alla stabilità della regione.

Noi rivendichiamo le idee di Bolívar, Martí, Martí, San Martín, Sucre, O’ Higgins, Petión, Morazán, Sandino, Maurice Bishop, Garvey, Túpac Katari, Bartolina Sisa, Chatoyer e altri eroi dell’indipendenza latinoamericana e caraibica.

Sottolineiamo che l’unità e l’integrazione regionale sono l’unico modo per affrontare il dominio esercitato dalle strutture egemoniche del potere mondiale, che hanno lasciato i nostri popoli in una condizione storica di subordinazione e vulnerabilità politica, economica e culturale.

Dichiariamo che ALBA-TCP è il primo vero fronte di integrazione latinoamericana e caraibica, basato su principi di solidarietà, giustizia sociale, difesa dell’indipendenza e della sovranità, autodeterminazione dei popoli, cooperazione economica e complementarietà, frutto della profonda vocazione integrativa dei suoi membri e della loro volontà politica di progredire insieme verso uno sviluppo sostenibile, per soddisfare i bisogni dei nostri paesi e dei nostri popoli.

Segnaliamo le conquiste sociali dell’ALBA-TCP, che sono state rivolte all’essere umano, indipendentemente dalla razza, dallo strato sociale, dal credo o dalla posizione politica, che ha permesso a milioni di latinoamericani e caraibici di beneficiare delle politiche sociali promosse dall’Alleanza.

In particolare si segnalano il Programma di alfabetizzazione, la Misión Milagro, il Programma per la cura delle persone con disabilità, la Cardiologia infantile latinoamericana, la formazione di medici integrali nella Scuola di Medicina latinoamericana ELAM a Cuba e in Venezuela e nel PetroCaribe, così come le Case ALBA, i Giochi Sportivi ALBA, Telesur e Radio del Sur.

Segnaliamo i progressi compiuti dall’ALBA-TCP in ambito economico e finanziario, soprattutto dopo 11 anni dalla costituzione della Banca dell’ALBA, durante i quali sono stati sviluppati diversi progetti infrastrutturali, produttivi e di servizio nei diversi paesi della regione.

Riaffermiamo il nostro impegno per la costruzione di un modello alternativo di sovranità economica, espresso in una Nuova Architettura Finanziaria, per consolidare un sistema di scambio e cooperazione reciproca, solidale, partecipativa e complementare che rafforzi la nostra libertà economica e commerciale; ribadiamo la nostra volontà di continuare a lavorare e cooperare nell’affrontare il cambiamento climatico, fenomeno che è un prodotto del sistema capitalistico, con i suoi modelli irrazionali di produzione e consumo, che attaccano la nostra Madre Terra e che aumentano la frequenza e l’intensità di fenomeni naturali che causano deplorevoli perdite umane e materiali.

Sottolineiamo la partecipazione e la piena presenza di movimenti sociali, movimenti di solidarietà e settori popolari nel nostro processo di integrazione, al fine di progredire nella costruzione di società inclusive, culturalmente diverse e ecologicamente responsabili che escludono lo sfruttamento degli esseri umani.

Condanniamo la politica aggressiva e interventista del governo degli Stati Uniti, che, con la complicità delle oligarchie nazionali e dei media aziendali, insieme alle conseguenze della dura applicazione di modelli neoliberali disumani, sono le cause fondamentali della pericolosa instabilità regionale.

Ribadiamo che l’attuale politica del Governo degli Stati Uniti nei confronti di Nuestra América pone sfide che generano chiare violazioni dei principi sanciti dalla Carta delle Nazioni Unite e del diritto internazionale, nonché dei postulati della proclamazione dell’America Latina e dei Caraibi come Zona di Pace.

Respingiamo le minacce dell’uso della forza da parte del governo degli Stati Uniti contro la Repubblica Bolivariana del Venezuela e il mantenimento e l’espansione di misure coercitive criminali unilaterali contro il suo popolo, che continuano ad essere la principale minaccia alla pace in America Latina e nei Caraibi.

Sosteniamo la Rivoluzione Bolivariana, l’unità civile-militare del suo popolo e il Presidente costituzionale della Repubblica Bolivariana del Venezuela.

Respingiamo l’attivazione del Trattato Interamericano di Assistenza Reciproca (TIAR) contro la Repubblica Bolivariana del Venezuela, che rappresenta un pericolo per la pace, che potrebbe facilitare la costruzione di un pretesto e stabilire le basi per un eventuale intervento militare contro il popolo bolivariano.

Condanniamo il colpo di Stato contro il governo costituzionale del compagno Evo Morales Ayma in Bolivia, che costituisce una chiara espressione della strategia imperialista degli Stati Uniti nell’emisfero occidentale e della sua intenzione permanente di violare l’autodeterminazione dei nostri popoli sulla base delle loro pretese egemoniche. La complicità dell’oligarchia boliviana nella violenta interruzione delle istituzioni democratiche nel paese e il compiacente sostegno di altre oligarchie della regione per questa flagrante violazione dello stato di diritto e dei diritti umani, non ammettono dubbi.

Sottolineiamo che con lo scopo di recuperare gli spazi conquistati dai popoli con governi progressisti, il governo degli Stati Uniti, in collusione con le oligarchie della regione, fa rivivere metodi che sembravano superati nella storia dell’America Latina e applica nuove formule della cosiddetta guerra non convenzionale.

Denunciamo che in Bolivia si sono moltiplicate l’intolleranza, il razzismo e la brutale repressione contro i movimenti sociali e le popolazioni indigene, con la chiara determinazione a rovesciare i risultati raggiunti dal loro popolo durante la presidenza del compagno Evo Morales Ayma.

Denunciamo le minacce e i ripetuti tentativi destabilizzanti contro il governo legittimo della Repubblica sorella del Nicaragua come una violazione del diritto internazionale. Il governo sandinista del Nicaragua e il suo presidente, Daniel Ortega Saavedra, contano sulla nostra solidarietà e sul nostro sostegno.

Esprimiamo la nostra solidarietà al popolo della sorella Commonwealth di Dominica e ci congratuliamo con il Primo Ministro Roosevelt Skerrit per la sua rielezione il 6 dicembre scorso con un ampio sostegno popolare.

Respingiamo le azioni di interferenza contro il processo politico in Suriname e i tentativi di destabilizzare il paese. Il governo costituzionale del Suriname e il suo presidente, Desiré Bouterse, contano sulla nostra solidarietà e sul nostro sostegno.

Chiediamo il rispetto per l’autodeterminazione dei nostri popoli, la sovranità, l’integrità territoriale e la non ingerenza negli affari interni di ogni Stato, la risoluzione pacifica delle controversie internazionali, il rifiuto dell’uso o della minaccia dell’uso della forza nelle relazioni internazionali, denunciando nel contempo l’uso di metodi bellici non convenzionali per rovesciare governi legittimi e l’imposizione di misure coercitive unilaterali contro i paesi dell’America Latina e dei Caraibi.

Affermiamo che l’ascesa dei governi neoliberali al potere politico nella regione ha generato una chiara inversione delle politiche di benefici sociali in diversi paesi, aumentando i tassi di povertà, profonde disuguaglianze sociali e l’emarginazione di ampi settori popolari.

Dichiariamo che la crescente corruzione dei governi neoliberali, il loro esercizio del potere per massimizzare i profitti delle multinazionali e delle esigue élite privilegiate; la violenza e la brutalità della polizia hanno causato l’esplosione di molteplici manifestazioni nella nostra America.

Denunciamo la falsità americana di attribuire ai membri di questa Alleanza, la responsabilità nell’organizzazione delle massicce proteste popolari che si sono diffuse in tutta la regione, che cerca di nascondere il fallimento degli sforzi dei governi neoliberali che si piegano alle esigenze imposte da Washington.

Respingiamo la vergognosa distorsione della realtà latinoamericana da parte degli Stati Uniti e delle élite oligarchiche della regione che cercano di nascondere la vera genesi delle manifestazioni popolari.

Respingiamo gli autoproclamati sostenitori dei diritti umani e della democrazia, che sempre più spesso ricorrono alla militarizzazione e alla repressione per sostenere il modello neoliberale in crisi. I numeri di morti, feriti e mutilati illustrano da soli l’uso sproporzionato della forza da parte di corpi repressivi. Il sostegno di diversi governi per la brutale repressione in diversi paesi e il complice silenzio di altri è inaccettabile.

Condanniamo le azioni sistematiche del governo degli Stati Uniti per screditare e sabotare la cooperazione internazionale fornita da Cuba nel campo della sanità in decine di paesi, di cui hanno beneficiato milioni di persone, nonché le forti pressioni esercitate contro vari governi per interrompere l’accoglienza della cooperazione cubana in solidarietà, a scapito del diritto alla vita e dell’accesso ai servizi sanitari per i loro cittadini.

Sottolineiamo la recente adozione da parte dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite della risoluzione intitolata “Necessità di porre fine all’embargo economico, commerciale e finanziario imposto dagli Stati Uniti d’America contro Cuba” con 187 voti a favore, che ha dimostrato ancora una volta il travolgente isolamento del governo degli Stati Uniti, nel contesto di una comunità internazionale impegnata per la verità, la giustizia e il rispetto del diritto internazionale. La deplorevole decisione del governo brasiliano di votare contro e del governo colombiano di astenersi conferma il rapimento delle sue politiche da parte di settori apertamente legati agli interessi della Casa Bianca.

Esprimiamo la nostra solidarietà ai fratelli caraibici, che hanno subito genocidio contro la popolazione indigena, gli orrori della schiavitù, il commercio transatlantico degli schiavi e il saccheggio coloniale e neocoloniale, e oggi devono affrontare le sfide derivanti dal cambiamento climatico, dalle calamità naturali e dall’ingiusto sistema finanziario che mette in pericolo le loro piccole economie.

Ribadiamo il diritto dei paesi caraibici a ricevere un trattamento equo, speciale e differenziato. I Caraibi troveranno sempre nell’ALBA-TCP una piattaforma di articolazione, cooperazione e complementarietà per la difesa delle proprie pretese e riparazioni.

Esprimiamo il nostro desiderio di unità e integrazione, il che conferma l’importanza di preservare la Comunità degli Stati dell’America latina e dei Caraibi (CELAC), un vero e proprio meccanismo di promozione degli interessi comuni delle nostre nazioni attraverso un accordo politico nel rispetto della diversità. A questo proposito, ci impegniamo a sostenere il Messico nell’esercizio della Presidenza comunitaria Pro Tempore.

Accogliamo con favore l’adesione di Antigua e Barbuda come membri a pieno titolo della Banca dell’ALBA il 4 novembre 2019.

Le sfide che ci troviamo ad affrontare riaffermano la necessità di serrare i ranghi di fronte alle minacce esterne, alle interferenze e alle aggressioni, con piena fiducia nella vittoria. Uniti affronteremo l’interventismo e il colpo di stato. Siamo protetti dalla profonda convinzione che la costruzione del futuro migliore che desideriamo e per il quale lavoriamo per la Nuestra América è e sarà sempre più nelle mani forti e salde dei popoli liberi, garantendo la realizzazione dei diritti alla vita, alla pace, all’autodeterminazione e allo sviluppo di cui i nostri popoli sono creditori.

«Uniamoci! Dall’unità dipende la vittoria delle giuste cause che rivendichiamo. Cerchiamo la solidarietà non come fine, ma come mezzo per far sì che la Nostra America compia la sua missione universale». (José Martí, Nuestra América)

L’Avana, 14 dicembre 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *