Dichiarazione finale dell’Incontro mondiale contro l’imperialismo Caracas (Venezuela), 22–24 gennaio 2020

image_pdfimage_print

Noi, delegazioni dei partiti politici e dei movimenti sociali, riunite nella città di Caracas, capitale della Repubblica Bolivariana del Venezuela, in occasione dell'”Incontro mondiale contro l’imperialismo”, dopo le deliberazioni siamo giunti alle seguenti conclusioni:

Il futuro dell’umanità è in grave pericolo. La pace sul pianeta è seriamente minacciata dalla politica di aggressione militare degli Stati Uniti e dei suoi alleati, così come dalla mortale corsa agli armamenti che porta solo dividendi alle grandi imprese dell’industria militare. La guerra è il meccanismo privilegiato dell’espansionismo imperialista, in particolare quello degli Stati Uniti, e lo osserviamo drammaticamente nei più recenti conflitti regionali che hanno colpito duramente i popoli di Siria, Yemen, Iraq, Libia, Afghanistan e l’intera regione.

Allo stesso modo, la razza umana subisce le devastazioni di un modello economico che nel suo spiegamento suicida distrugge la natura per l’insaziabile ossessione di massimizzare i profitti. Questa è proprio la logica del sistema capitalistico, che non solo ne compromette il funzionamento, ma mette l’umanità in pericolo di estinzione.

Il modello neoliberista, che attua la globalizzazione delle grandi imprese sotto il dominio degli Stati imperialisti, ha reso l’economia mondiale estremamente fragile. Le crisi sono più ricorrenti e i grandi speculatori finanziari controllano il pianeta. La distribuzione della ricchezza generata ha imposto uno standard di disuguaglianza, ingiustizia ed esclusione che colpisce una parte crescente della popolazione mondiale. I flagelli della povertà e della miseria colpiscono miliardi di persone come mai prima d’ora nella storia dell’umanità. Indubbiamente, lo sviluppo del capitalismo genera fenomeni insostenibili, dal punto di vista sociale, politico ed etico.

A ciò si aggiunge una crisi etica derivata dal modo di vivere prevalente delle economie di mercato, dove sono sepolte le culture nazionali e i valori umani, al fine di imporre la società dei consumi. Il culto degli anti-valori del capitalismo contribuisce a rafforzare la crisi della condizione umana generata dall’attuale modello di convivenza.

L’imperialismo è in crisi e questo lo rende molto più aggressivo, pericoloso e distruttivo. Con il crepuscolo del mondo unipolare, l’imperialismo americano attua una strategia di dominio globale. L’impegno geopolitico della Casa Bianca di fronte alla resistenza dei popoli e all’irruzione delle potenze emergenti è stato quello di difendere la sua egemonia, attraverso una politica neocoloniale volta ad appropriarsi delle risorse naturali, soprattutto energetiche, a controllare i mercati e a dominare politicamente le nazioni.

Per preservare l’attuale ingiusto ordine mondiale, l’imperialismo viola il diritto internazionale pubblico, ha trasformato il mondo in un grande teatro di operazioni militari, sviluppa misure coercitive unilaterali, impone leggi extraterritoriali, attacca il multilateralismo, viola la sovranità delle nazioni e sopprime l’autodeterminazione dei popoli. Nella sua arrogante concezione, i suoi confini si estendono tanto quanto i suoi interessi espansionistici.

In linea con questa politica, l’imperialismo ricorre all’intervento militare, alla destabilizzazione politica dei governi, alle guerre e al blocco economico. La sua pianificazione strategica concepisce la NATO come il braccio militare globale del neoliberismo. Inoltre, nel quadro della sua Dottrina della guerra non convenzionale, le azioni terroristiche, l’uso di paramilitari, il perseguimento di leader anti-imperialisti e l’assassinio mirato, sono alcune delle azioni più emblematiche di una politica di genocidio, che mette a rischio l’umanità.

Tali pratiche sono state “legittimate” attraverso l’industria culturale del capitalismo, la grande transnazionalità della comunicazione e l’uso dei social media. Allo stesso modo, l’uso dei “Big Data” è diventato una potente arma per modificare il comportamento della popolazione e influenzare le sue decisioni politiche.

Nel tentativo di imporre un “pensiero unico”, i potenti del mondo manipolano le credenze religiose, cercano di giustificare le attuali relazioni di potere a scapito della democrazia, dell’imposizione del libero mercato, del razzismo eurocentrico, della segregazione delle minoranze, dell’oppressione di genere, della natura eugenetica del modello educativo globale, tra molti altri fattori, che si adattano perfettamente alle esigenze della dittatura del capitale.

Il capitalismo neoliberale rafforza lo sfruttamento della classe operaia, opprime ulteriormente le donne in termini di massimizzazione dei profitti delle grandi multinazionali, toglie il futuro ai giovani e offusca l’identità dei popoli indigeni. Questo dimostra che la soluzione ai grandi problemi del mondo di oggi richiede un nuovo modello di convivenza umana.

In questo contesto, il mondo multicentrico e multipolare emerge con maggiore forza. Il rafforzamento politico ed economico di potenze come la Russia e la Cina, insieme a quello di altre nazioni, fa un contrappeso sempre più grave al potere dell’imperialismo americano. Evidentemente, l’eroica resistenza in Medio Oriente, le lotte dei popoli dell’America Latina e dei Caraibi, hanno contenuto e respinto i piani dell’imperialismo.

Inoltre, le esperienze dei governi progressisti di tutto il mondo stanno già emergendo come alternativa al neoliberismo. Un esempio di questo è la Rivoluzione Bolivariana, che si proietta come referente antimperialista con un’enorme forza popolare nel quadro della potente unione civico-militare e basata sull’ideologia del liberatore Simón Bolívar e del comandante Hugo Chávez.

Questo ha provocato il brutale attacco dell’imperialismo statunitense contro il popolo venezuelano, che ha dilapidato la dignità e l’amore per la Patria, ratificando il suo percorso verso il socialismo in numerosi processi elettorali che sostengono la vigorosa democrazia partecipativa esistente in questo Paese. I duri giorni di lotta popolare hanno sconfitto le minacce di intervento militare statunitense, i tentativi di colpo di stato e la violenza terroristica.

Questo esempio di lotta, accanto a quello di Nicaragua e Cuba, così come i recenti progressi in Argentina e Messico, ha permesso il rafforzamento delle forze anti imperialiste e porterà al rafforzamento di nuovi meccanismi di integrazione regionale (CELAC, ALBA-TPC, PETROCARIBE, ecc.). Anche se in Honduras, Paraguay, Brasile, Ecuador, El Salvador e Bolivia, il neocolonialismo è stato riposizionato come parte della nuova edizione della Dottrina Monroe, le lotte popolari continuano.

Anche nel resto del mondo le persone resistono, le rivolte e i governi popolari esercitano la loro sovranità. L’unione antimperialista è un obiettivo strategico senza compromessi.

In questo contesto, l'”Incontro mondiale contro l’imperialismo” afferma:

– Esortiamo i popoli del mondo a lottare per la vita, la conservazione della natura e contro le condizioni strutturali che generano il cambiamento climatico. Allo stesso modo, chiediamo alle nazioni sviluppate di lavorare con decisione per evitare la distruzione del pianeta e soprattutto agli Stati Uniti di superare la loro posizione primitiva che cerca di ignorare i terribili danni causati alla natura con l’attuale modello di produzione basato sull’accumulo di capitale.

– Sosteniamo la richiesta di costruire un ordine internazionale più giusto che metta in primo piano gli interessi dei popoli e permetta lo sviluppo di politiche di inclusione sociale e di giustizia per superare le enormi disuguaglianze sociali ed economiche che prevalgono tra le nazioni del mondo.

– Chiediamo ai cittadini del mondo di difendere la pace, la sovranità dei popoli e di unirsi alle legittime lotte per il processo socioeconomico sulla base di un’ampia piattaforma di lotta unitaria contro il nemico comune, l’imperialismo statunitense.

– Rifiutiamo l’attuazione di misure coercitive unilaterali illegali da parte delle potenze imperialiste, poiché si tratta di politiche criminali che colpiscono i popoli. Condanniamo in modo particolare la politica genocida di blocco economico applicata contro le nazioni del mondo che esercitano la loro sovranità.

– Respingiamo la militarizzazione della Nostra America e soprattutto la presenza di basi militari degli Stati Uniti in America Latina e nei Caraibi.

– Condanniamo fermamente l’invasione militare e le altre aggressioni commesse dall’imperialismo contro i popoli del Medio Oriente. In particolare, respingiamo la violazione della sovranità della Siria e dell’Iraq, le aggressioni contro la Repubblica Islamica dell’Iran, così come il feroce assassinio del Comandante Qasem Soleimani, martire dei popoli del mondo che combattono per la libertà.

– Chiediamo il rispetto della sovranità del Venezuela, di Cuba e del Nicaragua, e sosteniamo gli sforzi di Nicolás Maduro Moros, presidente costituzionale della Repubblica Bolivariana del Venezuela, per mantenere la pace.

– Denunciamo il tentativo orchestrato dalla Casa Bianca di censurare le società multistatali TeleSUR e HispanTV. Questo rappresenta un oltraggio alla libertà di parola dei popoli.

– Condanniamo il colpo di Stato, orchestrato da Washington, contro il presidente Evo Morales Ayma. Condanniamo la violenta repressione e il razzismo contro il popolo dello Stato Plurinazionale della Bolivia.

Allo stesso modo, l'”Incontro globale contro l’imperialismo” è d’accordo per:

– Costruire una Piattaforma Mondiale Unitaria organizzata da continenti, regioni, sub-regioni e Paesi per affrontare l’imperialismo. Questa struttura organizzativa sarà modellata secondo le caratteristiche di ogni territorio.

– Organizzare gli “Incontri continentali contro l’imperialismo” nel 2020, con l’obiettivo di formare piattaforme unitarie continentali, regionali e sub-regionali articolate sulla base di un piano comune di lotta contro l’imperialismo.

– Chiedere che il “Secondo Incontro Globale contro l’imperialismo” si tenga a Caracas, capitale della Repubblica Bolivariana del Venezuela, per definire il nome della Piattaforma Unitaria Mondiale, così come l’articolazione delle diverse piattaforme continentali e regionali in un piano comune che unisca le lotte dei popoli.

Infine, l'”Incontro Globale contro l’imperialismo” si impegna ad assumere l’Agenda delle Lotte introdotta nel “Primo Incontro Internazionale dei Lavoratori Solidali con la Rivoluzione Bolivariana”, approvata dal “Primo Congresso Internazionale delle Donne”, dal “Congresso Internazionale dei Comuni, dei Movimenti Sociali e del Potere Popolare”, dal “Primo Incontro Internazionale degli Indigeni”, dal “Congresso Internazionale degli Afro-discendenti” e dal “Congresso Internazionale della Comunicazione”, tenutosi nella Repubblica Bolivariana del Venezuela nel 2019, un’agenda che comprende quanto segue:

1. Organizzare una giornata internazionale di mobilitazione a sostegno della Rivoluzione Bolivariana e contro il neoliberismo il 27 febbraio 2020 (commemorazione del 31° anniversario della prima insurrezione di Caracas contro il neoliberismo).

2. Fare appello per una mobilitazione mondiale per la pace in Venezuela, nella Nostra America e contro i piani di guerra del governo degli Stati Uniti per aprile 2020.

3. Sviluppare una giornata internazionale di rifiuto della Dottrina Monroe, contro il blocco e altre misure coercitive unilaterali per il 28 giugno 2020.

4. Creare, fino al prossimo Meeting, una Commissione di coordinamento per le delegazioni presenti al “Primo Incontro globale contro l’imperialismo”, con l’obiettivo di realizzare questo piano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *