Cuba si difende lottando

image_pdfimage_print

Presidio in difesa del Consolato di Cuba a Milano

Il 15 luglio differenti realtà politiche – RdC, Cambiare Rotta, Osa, USB e Potere al Popolo – hanno impedito l’ennesima provocazione ai danni di una rappresentanza diplomatica della Repubblica Socialista Cubana. É il secondo grave episodio, dopo il tentativo di incursione attuato lunedì 12 luglio a Roma contro l’ambasciata cubana, fermato da un muro umano che abbiamo contribuito a realizzare.

Chiaramente queste vergognose messe in scena, tollerate dal governo italiano, hanno come fine quello di far credere che una parte del popolo cubano sostiene le trame di destabilizzazione ordite a Washington e dipinte dai media mainstream come un movimento che si oppone all’attuale leadership del Paese Caraibico.

Il combinato disposto di una politica asservita agli interessi statunitensi sul piano internazionale e degli organi di informazione che sono ormai diventati i ripetitori dei desiderata di Washington rendono possibili tali provocazioni e fanno del nostro Paese un laboratorio per la strategia di destabilizzazione di quel variegato arco progressista che sta dando speranza al continente latino-americano.

È chiaro che il “Partito Americano” ha fatto male i suoi conti, anche se trova tanti utili idioti al servizio della sua causa ed un terreno in parte favorevole, vista la messa in discussione – anche all’interno della sinistra di classe – di alcuni riferimenti imprescindibili per chi lotta per un mondo migliore.
E mentre la stampa ingrata ed infame continua a sputare veleno contro un Paese che ci ha aiutato nel picco della Pandemia, mandando personale medico ed infermieristico, che sta sviluppando vaccini per il Covid-19 svincolati dalle logiche di profitto di Big Pharma, proprio dagli Stati Uniti si alza la voce più limpida e chiara a difesa di Cuba e contro l’embargo economico.

Si tratta di quel movimento #BlackLivesMatter che da anni si batte contro il razzismo strutturale della società statunitense e che recentemente ha contribuito a sviluppare le mobilitazioni a fianco del popolo palestinese e contro l’aggressione sionista. Un movimento che ricorda la bontà delle acquisizioni sociali a Cuba – dove poco meno della metà della popolazione è afro-discendente – il suo supporto ai rivoluzionari afro-americani e il suo appoggio alle lotte di liberazione in Africa.

Di fronte a questo attacco pianificato da tempo contro il socialismo cubano e contro il variegato arco di forze progressiste in America Latina occorre prendere un posizione netta, ma soprattutto agire di conseguenza, negando spazi di agibilità a chi sfrutta la difficile situazione economica dell’Isola caraibica a causa della pandemia. Dietro un malcelato anti-comunismo viscerale si vuole “dare una spallata” a quel processo rivoluzionario, trasformando di nuovo Cuba in una colonia in mano alla criminalità organizzata e agli interessi delle multinazionali statunitensi ed europee.

Per questo continueremo in varie forme il nostro impegno a fianco del popolo cubano, difendendone il carattere socialista, contrastando con determinazione quella accozzaglia prezzolata al soldo della Mafia di Miami e combattendo quel disfattismo morale, prima che politico, che ha portato parte della sinistra di classe ad accettare la sconfitta come proprio unico orizzonte.

Il 26 luglio saremo a a Roma ( evento FB: https://fb.me/e/MncwndSO ), per difendere l’Ambasciata di Cuba e ricordare l’assalto della caserma Moncada del 1953 da parte dei rivoluzionari guidati da Fidel e Raul Castro, che diede inizio alla lotta armata che spazzò via il dittatore Batista, aprendo la strada alla costruzione di Cuba socialista.

VENCEREMOS

RETE DEI COMUNISTI, CAMBIARE ROTTA, OSA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *